Latest stories

  • in

    MUTUI, POSSO CHIEDERE UN PREVENTIVO AL NOTAIO?

    Ciascun privato, in ottemperanza alle normative di legge vigenti, ha diritto di ricevere un preventivo dal professionista in forma scritta (Art. 9, comma 3 DL 24.1.2012). Quindi ricordati sempre di chiederlo, e verifica bene che le voci siano divise tra Onorario (con IVA esposta), anticipazioni e imposte. Quando i preventivi sono troppo diversi tra loro, […] Leggi tutto

  • in

    MUTUI, I NOTAI SONO TUTTI UGUALI?

    Questa in effetti è la posizione ufficiale della categoria, ma non è esattamente così. Oltre alla disponibilità a fornire un preventivo professionale (su carta intestata, che indichi in modo chiaro e comprensibile le voci distinte di onorario, tasse e visure per evitarti successive sorprese), è bene verificare che sia in grado di trasmettere la tua […] Leggi tutto

  • in

    MUTUI, QUANTO COSTA UN ATTO NOTARILE?

    La remunerazione corrisposta al Notaio per l’attività svolta è composta da tre voci: Onorario, tasse e contributi per l’archivio nazionale notarile, con IVA al 22%; Somme dovute a titolo di rimborso delle Anticipazioni fatte in nome e per conto tuo (c.d. “Visure”), regolarmente documentate, ed in esenzione IVA; Imposte da corrispondere, per il tramite del […] Leggi tutto

  • in

    MUTUI, QUAL È IL NOTAIO GIUSTO?

    Dando per scontata la serietà professionale della categoria, la regola classica di selezione è data da vicinanza e costo. Il prezzo merita un’attenzione specifica, ma conviene anche verificare l’organizzazione e la modernità dello studio. È quindi consigliabile di verificare in anticipo quanto tempo il professionista prevede di impiegare per produrre la tua relazione notarile, necessaria […] Leggi tutto

  • in

    SE HO GIÀ UN MUTUO POSSO CAMBIARE LE CONDIZIONI?

    Rinegoziare le condizioni del mutuo con la banca è possibile, ma non è garantito cosa e quanto si riesce a modificare. Una soluzione è la surroga, applicabile solo ai mutui prima casa, che permette di trasferire il mutuo da una banca ad un’altra senza costi e modificando le condizioni. Si può così ottenere un tasso […] Leggi tutto

  • in

    CHE AGEVOLAZIONI FISCALI SONO PREVISTE PER I MUTUI?

    L’agevolazione fiscale più rilevante è quella della detrazione Irpef per i mutui di acquisto prima casa: ogni anno si possono detrarre fino a 4.000 euro di spese legate al mutuo, che comprendono gli interessi, diverse spese bancarie e le spese notarili. La detrazione è del 19% e può quindi arrivare a 760 euro l’anno, abbattendo […] Leggi tutto

  • in

    CONVIENE ESTINGUERE ANTICIPATAMENTE IL MUTUO?

    Rimborsando anticipatamente un mutuo, anche solo in parte, si risparmia sugli interessi restanti. L’estinzione anticipata di mutui stipulati, dal 2 Febbraio 2007 in poi, da persone fisiche per l’acquisto o la ristrutturazione di immobili adibiti ad abitazione o allo svolgimento della propria attività economica o professionale non è soggetta a penali. È bene tenere presente […] Leggi tutto

  • in

    COME POSSO ORIENTARMI NELLA SCELTA DI UN MUTUO?

    Raccogliere offerte dettagliate da tante banche può essere un processo lungo e complicato. Una soluzione è utilizzare i comparatori di mutui, con cui confrontare gratuitamente le offerte di decine di banche. E possibile così valutare le condizioni complete ed i costi dettagliati di tante soluzioni diverse di mutuo per banca, importo, tasso e durata, e […] Leggi tutto

  • in

    CHE IMPORTO SI PUÒ OTTENERE?

    Le banche valutano il rapporto rata/reddito: indicativamente la rata non deve superare il 30-35% del reddito netto mensile degli intestatari del mutuo, al netto di eventuali altri impegni finanziari già esistenti. In caso di redditi bassi la banca potrebbe però ridurre tale percentuale. Tutte le banche finanziano in genere fino all’80% del valore dell’immobile. Alcune […] Leggi tutto

  • in

    COME REGOLARE RATA, IMPORTO E DURATA DEL MUTUO?

    Occorre scegliere una rata di importo facilmente sostenibile per tutta la durata del mutuo, tenendo conto anche delle necessità future di spesa e risparmio. Con tassi più bassi e durate più lunghe si ottiene lo stesso importo di mutuo, ma con una rata minore, facilitando sia la concessione del mutuo da parte della banca sia […] Leggi tutto

  • in

    LE ASSICURAZIONI SUL MUTUO SONO OBBLIGATORIE?

    L’unica polizza obbligatoria per il mutuo è quella cosiddetta “incendio e scoppio”. Altre assicurazioni che spesso le banche propongono vanno a garantire il rimborso del mutuo in caso di morte, invalidità, infortuni o perdita del lavoro dell’intestatario. Possono essere molto costose, ma danno il vantaggio di proteggere da imprevisti gravi che potrebbero causare la necessità […] Leggi tutto

  • in

    COSA CONSIDERARE NELLA SCELTA TRA TAN E TAEG?

    Il tasso di interesse (TAN) è importante, perché determina la rata e gli interessi del mutuo, che sono la componente principale di costo. Ci sono tuttavia altre voci di spesa (istruttoria, perizia, etc) che variano molto da banca a banca e che possono incidere notevolmente sul costo totale del mutuo, costo che viene misurato dal […] Leggi tutto

  • in

    CONVIENE RIVOLGERSI ALLA PROPRIA BANCA?

    L’approvazione del mutuo dipende da procedure e parametri simili in ogni banca, quindi l’essere già cliente di una certa banca non è detto che faciliti la concessione del finanziamento. Le differenze di tasso da banca a banca possono essere elevate e superare anche l’1%, con un maggior costo di 650-750 euro all’anno ed un aggravio […] Leggi tutto

  • in

    PER QUALI FINALITÀ POSSO RICHIEDERE UN MUTUO?

    Un mutuo può finanziare l’acquisto della prima o seconda casa, ma anche molte altre finalità, come i lavori di ristrutturazione e/o costruzione, la surroga o sostituzione di un altro mutuo, il consolidamento di debiti preesistenti, ecc. I tassi, i costi e le percentuali di finanziamento possono variare a seconda della finalità. Leggi tutto

  • in

    QUAL È IL MUTUO PIÙ ADATTO ALLE MIE ESIGENZE?

    La scelta del mutuo deve tenere conto del proprio bilancio familiare sia presente che futuro. Un tasso variabile permette di partire con una rata più bassa, ma espone al rischio di aumenti futuri non facilmente preventivabili. Un tasso fisso è più costoso, ma offre una rata certa e sempre uguale. Una durata breve fa risparmiare […] Leggi tutto